See PRO editionSee PRO edition

See PRO editionSee PRO edition

Menu

NAZ - Slalom Mignanego-Giovi 2018 - Tibi05

Il Primo Maggio, normalmente, è sinonimo di festa e del concertone in Piazza San Giovanni a Roma. Per l'universo a motore, in particolare quello che si diverte a sgattaiolare tra i birilli, rimane comunque una festa, ma situata nella stretta Valpolcevera e più precisamente a Mignanego, sul percorso che viene giustamente definito "L'Università del Birillo".

Nuovamente organizzato da Scuderia Valpolcevera e Polini Motorsport, e nuovamente senza titolazioni, lo Slalom Mignanego-Giovi numero 36 ha radunato ben 108 iscritti, poco oltre il tetto massimo di 100 partecipanti fissato dall'organizzazione per quest'anno. Al via diversi nomi importanti della disciplina, come Pasquale Bentivoglio con la sua stellare Tatuus, Davide Piotti con la consueta PA8/9 giallo fluo, il vincitore dell'anno scorso Erik Campagna, il padrone di casa Alessandro Polini con il suo mostro da meno di 500 kg, l'habitué del podio Stefano Repetto e tanti altri pronti ad animare le varie classi in gara.

Anche il meteo è stato abbastanza clemente, con nuvoloni scuri che hanno rovesciato una leggera quantità di pioggia (perché, dopo il diluvio universale del 2017, qualsiasi tipo di pioggia è da definirsi "leggero") solamente nella terza manche, offrendo due salite spettacolari e rapide su un percorso freddo ma asciutto. A prevalere, alla fine, è stato indiscutibilmente Pasquale Bentivoglio (Tatuus-Kawasaki), con quasi 9 punti di vantaggio su Andrea Grammatico (Kalì Kart) e poco più di 13 su Stefano Repetto (Fiat Cinquecento). Ai piedi del podio si attesta Daniele Patete (Fiat X-1/9), davanti ad Alessandro Casu (Autobianchi A112) e Antonino Scolaro (Elia Avrio St09). Chiusura di top ten affidata ad Andrea Drago (Erberth R3), Roberto Risso (L.R. 001), Filippo Gennari (Renault Clio RS) e Gianpasquale De Micheli (Fiat X-1/9).