See PRO editionSee PRO edition

See PRO editionSee PRO edition

Menu

TIVM Nord - Salita del Costo 2018 - Riva-Style

Una volta presa questa data, sarebbe stato un errore lasciarla scappare... e infatti, il Rally Club Isola Vicentina ha mantenuto anche in questo 2018, per la sua Salita del Costo, il ruolo di apertura della stagione delle salite italiane, collocando la competizione all'inizio di aprile. Questo, per i 130 iscritti alla gara vicentina, ha rappresentato un importantissimo test in vista dell'inizio di CIVM e CEM, date fissate nel 6 maggio per il primo (che per la prima volta farà tappa in Nevegal) e nel 15 aprile per il secondo (che fa il suo ritorno a Col St.Pierre).

Presenti di conseguenza, come l'anno scorso, Christian Merli e Simone Faggioli, impegnati nell'ennesima rincorsa al titolo europeo, così come altri nomi importanti quali Diego Degasperi, Federico Liber, Sebastiano Castellano e Adolfo Bottura, insieme a piloti che già iniziavano i loro giochi nel TIVM Nord come Gino Pedrotti, Enrico Zandonà, Domenico Dall'O', Stefano Falcetta, Paolo Venturi e Giuseppe Torrente. Tra le ruote coperte spiccano Luca Gaetani, Bruno Jarach, Roberto Ragazzi nelle GT, Mauro Soretti, Denis Mezzacasa e Mauro Palazzi tra le E1 e Stefano Nadalini, Luca Zuurbier, Michele Mancin, Ivano Cenedese e Mario Tacchini tra le vetture di produzione, senza dimenticare l'esordio di Claudio Pio sulla sua nuova Saxo VTS e la presenza decisamente estemporanea di Damiano Schena con una Peugeot 106 gruppo A.

Anche tra le Autostoriche, seppure in deroga (vista la concomitanza con la Camucia-Cortona di campionato) e limitate a 40 vetture, non mancano le presenze importanti: dall'icona di casa "Lucky", ora anche presidente dell'Automobile Club Vicenza, all'esordio della favolosa M3 del piemontese Massimo Perotto, passando per i consueti protagonisti tra le "vecchiette" del Nord-Est, tra i quali Paul Niederstätter, Giuseppe Pezzo, Giampaolo Basso, Silvio Andrighetti, Marco Stella, Maurizio Leonardelli e Marino Fochesato.

Tutto il weekend è filato liscio come l'olio, con le due manche di prova regolarmente disputate da tutti i concorrenti e la singola manche di gara che è andata avanti con pochi intoppi, dovuti a incidenti che però non hanno causato lunghe interruzioni. Come anticipo di quello che verrà in questa stagione 2018, a vincere è stato il trentino Christian Merli (Osella FA30 Evo), con soli due decimi di vantaggio su Simone Faggioli (Norma M20FC) e 16 secondi su Diego Degasperi (Osella FA30), vittima dell'afflosciamento di uno pneumatico a 4 km dalla fine. Quarto, sull'Osella PA2000 già vista l'anno scorso, è Sebastiano Castellano, davanti a Federico Liber (Gloria C8P Evo), Gino Pedrotti (Tatuus F.Renault) ed Enrico Zandonà (Reynard 883). Chiudono la classifica dei migliori dieci Stefano Falcetta (Norma M20), il "padrone di casa" Andrea Parisi (Gloria C8F) e lo svizzero Fabien Bouduban (Norma M20FC).

GRUPPO E2-SS
3000: Christian Merli (Osella FA30 Evo) ha ragione di Diego Degasperi (Osella FA30).
2000: Gino Pedrotti (Tatuus F.Renault) ha la meglio su Marietto Nalon, esordiente sulla sua nuova Dallara F308.
1600: Federico Liber (Gloria C8P Evo) vince su Enrico Zandonà (Reynard 883) e Andrea Parisi (Gloria C8F).
1000: Mirko Venturato (Gloria C8F) precede Fabrizio Bizzarini (Gloria Kit 2003).

GRUPPO E2-SC
3000: Simone Faggioli vince davanti a Fabien Bouduban e Renzo Meneghetti (Lucchini P1 03). (gli altri su Norma M20FC)
2000: Sebastiano Castellano (Osella PA2000) batte Adolfo Bottura (Ligier JS 51).
1600: Vittoria in solitaria per Domenico Dall'O' (Radical SR4).
1400: Paolo Venturi (Elia Avrio St09B) vince, Giuseppe Torrente (Radical Prosport) si ritira per incidente.
1000: Sante Ostuni ha ragione di Lutz Spitaler. (entrambi su Osella PA21 Jr/B)

GRUPPO CN
2000: Stefano Falcetta (Norma M20) precede Alberto Dall'Oglio (Norma M20FC).
1600: Vittoria senza avversari per Andrea Drago (Erberth R3).

GRUPPO E2-SH
+3000: Si ritira l'unico iscritto, Abramo Antonicelli (BMW M3 E92).
1600: Non parte, a causa di un guasto in prova, Christian Rapuzzi (Polini 04 Suzuki).
1400: Ritiro per Stiw Marcon (Fiat 500 R2).
1150: Ronny Marchegger (Fiat 500 BMW) vince su Mario Mariot (Citroën Saxo).

GRUPPO E1
+3000: Michele Massaro (BMW M3 E92) vince senza avversari, a causa del ritiro di Mauro Soretti (Subaru Impreza) e Franco Giacomazzi (Lancia Delta Evo Proto).
3000: Nessun avversario nemmeno per Giuseppe Zarpellon (BMW M3 E30).
1600T: Alberto Cioffi (Peugeot 308 Cup) vince su Federico Pomaran (Fiat Uno Turbo) e Deborah Broccolini (Mini Cooper S).
2000: Vittoria in solitaria per Denis Mezzacasa (Renault Clio Williams).
1600: Enrico Trolio ha la meglio su Mauro Palazzi e Sergio Murgia (Citroën Saxo). Non prende il via "Zio Fester" (Honda Civic). (gli altri su Peugeot 106)
1400: Non parte Alessandro Vettorel (Peugeot 106), ritirato già nella prima manche di prove.
1150: Marco Berardi (Citroën C1 Cup) ha ragione di Riccardo Pisa (Autobianchi A112 Abarth) e Diego Maggian (Fiat Seicento).

GRUPPO GT
GT3: Luca Gaetani (Ferrari 458 GT3) precede Rosario Parrino (Porsche 997 GT3).
GT Cup: Roberto Ragazzi (Ferrari 458 Challenge Evo) vince su Sebastiano Frijo (Porsche 991 GT3 Cup) e Stefano Artuso (Ferrari 458 Challenge Evo).
Super GT Cup: Per Bruno Jarach (Lamborghini Huracan SuperTrofeo) è sola lotta con il cronometro.

GRUPPO A
+3000: Stefano Nadalini (Mitsubishi Lancer Evo VIII) vince, mentre Leonardo Scalco (BMW M3 E36) non parte per un incidente in prova.
2000: Luca Zuurbier precede Paolo Parlato. Non partito Markus Gasser (Volkswagen Golf GTI 16v). (gli altri su Honda Civic Type-R)
1600: Assolo di Giuseppe Fortuna (Peugeot 208 R2).

GRUPPO PRODUZIONE EVOLUZIONE
+3000: Kevin Lechner (BMW M3 E36) ha la meglio su Sigi Fedrigotti (Ford Escort Cosworth).
1600: Michele Mancin (Citroën Saxo VTS) vince davanti a Roberto Zadra, Edi Dal Bianco ed Emanuele Masiero (Citroën Saxo VTS). Non parte Damiano Schena. (gli altri su Peugeot 106 Rallye)
1400: Angelo Giovannini (Peugeot 205 Rallye) ha il cronometro come unico avversario.

GRUPPO N
2000: Adriano Pilotto (Honda Civic Type-R) precede Gianluca Pomaran (Peugeot 306 S16) e Nicola Dall'Osto (Renault Clio RS).
1600: Fabrizio Vettorel vince su Elia Favaro. (entrambi su Peugeot 106 Rallye)

GRUPPO PRODUZIONE DI SERIE
2000: Vittoria di Fabio Zanette (Renault 5 GT Turbo) su Alberto Calgaro (Renault Clio Williams).
1600: Alberto Agosti (Peugeot 106 Rallye) vince davanti a Loris Modolo e Federico Spiller. (gli altri su Citroën Saxo VTS)

GRUPPO RACING START
RS+ 1600T: Vittoria senza avversari per Remigio Baù (Peugeot 208 GTi).
RS+ 2000: Ivano Cenedese (Renault Clio Sport) precede Gianluca Grossi, Cristhian Fracassi ed Andrea Steffan. Non partito Enrico Bettera (Alfa Romeo 147 Cup). (gli altri su Renault Clio Cup)

RS 1600T: Alberto Sartori ha ragione di Mario Tacchini e Stefano Oss Pegorar. (tutti su Mini Cooper S JCW)
RS 2000: Alex Bet (Honda Integra Type-R) vince su Giovanni Ghidini (Renault Clio Sport) e Paride Filippi (BMW 320i E36).
RS 1600: Vittoria per Claudio Pio, davanti a Luca Di Giuseppe (Peugeot 106 Rallye) e Mirco Graziani. (gli altri su Citroën Saxo VTS)
- RS 1400: Adriano Cavaliero (Peugeot 106 Rallye) vince senza concorrenti in classe.

AUTOSTORICHE
4 (J1/J2/JR): Alberto Moronato (BMW M3 E30) vince davanti a Paul Niederstätter (Renault 5 GT Turbo), Federico Tremonti (Peugeot 309 GTi 16v), Marco Dal Fitto (BMW 325i E30), Stefano Martina (Alfa Romeo 33) e Gianguido Rossi (Fiat Uno Turbo). Non parte Massimo Perotto (BMW M3 E30), con la sua vettura vittima di problemi di gioventù già nelle prove.
3 (H2/I/IR): "Lucky" (Ferrari 308 GTB) vince su Giuseppe Pezzo (Porsche 911), con questi due che concludono primo e terzo nel complessivo delle Storiche. Dietro al veronese si attestano Ermanno Sordi (Porsche 911), Italo Pain (Fiat X-1/9), Roberto Piatto (Fiat Ritmo 75), Giuseppe Viali (Fiat X-1/9), Massimo Fronza (Fiat 126), Marco Danese (Fiat X-1/9), il debuttante Jimi Vivenzi (Volkswagen Golf GTI), Manuel Oriella (Autobianchi A112 Abarth) e Otello Viali (Fiat 126). Non prendono il via Luca Zanella (Lancia Delta) e Andrea Zoppini (Volkswagen Golf GTI).
2 (G2/H1/HR): Giampaolo Basso (Porsche 911) è il vincitore del raggruppamento e il secondo nell'assoluta. Il vicentino precede nell'ordine Silvio Andrighetti (Lancia Stratos HF), Edoardo Valente (Porsche 911), Flavio Furlan (De Tomaso Pantera), Luigi Pellanda (BMW 1600 Ti), Marco Stella (Alfa Romeo Giulia Sprint), Vittorio Grosso (Porsche 911), Loris Cercenà (Lancia Fulvia HF) e Mirto Maria Tonello (Alpine Renault A110). Non prendono il via Ugo Tonello (Opel Ascona SR), Silvia Fochesato (Innocenti Mini Cooper) e Maurizio Leonardelli (Fiat Giannini 650).
1 (A/B/C/D/E/F/G1/GR): Guido Vettore (BMW 2002 Ti) vince su Marino Fochesato (Fiat Abarth 1000) e Daniele Camparmò (Fiat 850 Coupé).