TIVM Nord - Salita del Costo 2019 - Riva-Style

È ora di ripartire anche per le salite italiane e, mentre le Autostoriche prendono la direzione di Cortona per quella che poi sarebbe stata un'edizione tragica della locale cronoscalata, le vetture moderne invadono, per un weekend, quello che è il paradiso di diversi motociclisti: il Costo. Stabilmente ancorata al primo weekend di aprile, la salita vicentina ha rappresentato per il terzo anno di fila il test perfetto per diversi protagonisti di CIVM e CEM, oltre ad inaugurare la stagione 2019 del TIVM Nord, aumentando a 165 gli iscritti totali rispetto all'anno scorso e potendo vantare ben 5 protagonisti nella cilindrata maggiore di prototipi e monoposto.

Cinque protagonisti, a cominciare da Christian Merli e Simone Faggioli che rinnovano il loro eterno duello portando con sé nuovi aggiornamenti alle rispettive vetture e due "scudieri" del calibro di Christoph Lampert e Diego Degasperi, oltre a un Domenico Scola al debutto sulla Lola del team Dalmazia e a Fabien Bouduban sulla seconda Norma di casa Faggioli.
Non mancano chicche, curiosità e outsider di lusso nemmeno nelle classi più piccole: se Giancarlo Graziosi, Denis Mezzacasa e Damiano Schena sono stati impegnati a comprendere fino in fondo le loro nuove vetture (rispettivamente la PA2000 di casa Dalmazia, la F.Renault ex-Aralla e una Wolf GB08 Thunder nuova fiammante), gente come Federico Liber, Enrico Zandonà e Gino Pedrotti - tanto come Paolo Venturi, Giuseppe Torrente e Stefano Falcetta nelle biposto - cambia poco o nulla alle proprie vetture e cerca solamente riscontri cronometrici favorevoli, mentre Daniela Ronconi vuole confermare a sé stessa e al pubblico di sapere ancora come si viaggia forte, e Andrea Parisi vuole sicuramente ben figurare sull'asfalto casalingo salendo nuovamente di cilindrata.
Tra le vetture coperte si conferma Mauro Soretti con la sua cattivissima Impreza, e si assiste a un fiorire di GT, con un'invasione di Lamborghini Huracan - tanto SuperTrofeo quanto GT3 - capitanata nientemeno che da Denny Zardo e contrastata dalla Ferrari di Luca Gaetani, medaglia di bronzo agli scorsi Master. Il parco macchine viene completato dai consueti protagonisti di Racing Start, N ed A, chi con un'auto nuova (ad esempio Adriano Pilotto, Lukas Bicciato, Carmelo Fusaro, Alessandro Bondanza e Fabio Zanette) e chi sempre con la fida compagna di mille battaglie (come Remo De Bastiani, Fabrizio Vettorel, Giovanni Grasso, Ivano Cenedese, Francesco Laffranchi, Gianluca Grossi, il duo delle 1.3 Hannes Geier-Angelo Martucci e tanti altri).
Nelle Autostoriche, la concomitanza con Camucia limita fortemente i posti a disposizione, ma permette di vedere i consueti protagonisti del Nord-Est, una vera e propria orda di BMW M3 schierate dal locale C.Z. Bassano Racing Team, diverse monoposto tra cui la Special di Mario Sala e la "nuova" PA9/90 di Adolfo Bottura.

Al termine di un'unica manche di gara condizionata da una pioggia leggera caduta prima del passaggio delle biposto e dalla nebbia presente a tratti verso la cima del percorso, il più veloce a coprire i 9.9 km del percorso è stato Simone Faggioli (Norma M20FC), che chiude con quasi due secondi di vantaggio su Christian Merli (Osella FA30 Evo) e ben 13.5 su Christoph Lampert (Osella FA30), comunque bravo alla sua prima apparizione in terra vicentina. Quarto è Diego Degasperi (Osella FA30), davanti a Federico Liber (Gloria C8P Evo) e Gino Pedrotti (Tatuus F.Renault). Chiusura di top ten assoluta affidata nell'ordine a Fabien Bouduban (Norma M20FC), Mauro Soretti (Subaru Impreza), Denis Mezzacasa (Tatuus F.Renault) e Denny Zardo (Lamborghini Huracan SuperTrofeo).

GRUPPO E2-SS
3000: Christian Merli (Osella FA30 Evo) vince su Christoph Lampert (Osella FA30) e Diego Degasperi (idem). Non parte Domenico Scola (Lola B99/50 Evo).
2000: Gino Pedrotti ha la meglio su Denis Mezzacasa e Marietto Nalon (Dallara F308). Non partito Andrea Parisi (Lola Dome F106/03), vittima in prova di un guasto al motore. (gli altri su Tatuus F.Renault)
1600: Federico Liber (Gloria C8P Evo) precede Enrico Zandonà (Reynard 883).
- 1000: Damiano Schena (Wolf GB08 Thunder) vince davanti a Daniela Ronconi (Gloria C8F Evo).

GRUPPO E2-SC
3000: Simone Faggioli (Norma M20FC) vince su Fabien Bouduban (Norma M20FC). Non prende il via Renzo Meneghetti (Lucchini BMW).
2000: Giancarlo Graziosi (Osella PA2000) rimane senza avversari, non prendendo il via Dario Gentile (Osella PA21 Evo).
1400: Thomas Pedrini (Radical Prosport) precede Paolo Venturi (Elia Avrio St09 Evo). Non partito Giuseppe Torrente (Radical Prosport).

GRUPPO CN
2000: Denis Tessaro (Ligier JS51) vince davanti a Stefano Falcetta (Norma M20 Evo), Andrea Catalani (Osella PA21 Evo) e Alberto Dall'Oglio (Norma M20FC).
1600: Non parte l'unico iscritto, Simone Danese (Viali Honda).

GRUPPO E2-SH
+3000: Mauro Soretti (Subaru Impreza) ha la meglio su Michele Ghirardo (Lotus Exige Cup 260).
1400: Werner Stocker (Fiat 850 Kawasaki) precede Luciano Gallina (Lancia Y10 Suzuki).

GRUPPO E1
+3000: Claudio Zucol (BMW 325i E30) vince davanti a Ivano Piccoli (BMW M3 E36), Michele Massaro (BMW M3 E92), Andrea Marchesini (Seat León Supercopa) e Nicola Zucol (BMW 318 Compact).
3000: Assolo di Simone Romagna (Lancia Delta S4).
1600T: Federico Pomaran (Fiat Uno Turbo) chiude davanti a Stefano Rosso (Fiat Super Cinquecento).
2000: Davide Baldin precede Silvio Longhi (Ford Mondeo ST), Alex Bet (Peugeot 205 GTi) e Riccardo Ferrante. Ritirato Andrea De Stefani, non partito Paolo Parlato. (gli altri su Renault Clio)
1600: Marco Trolio (Peugeot 106) vince su Sergio Murgia (Citroën Saxo). Non partito "Zio Fester" (Honda Civic).
1150: Riccardo Pisa (Autobianchi A112 Abarth) precede Diego Maggian (Fiat Seicento) e Marco Berardi (Citroën C1 Cup).

GRUPPO GT
GT3: Luca Gaetani (Ferrari 458 GT3) ha la meglio su Bruno Jarach (Lamborghini Huracan GT3).
GT Cup: Michele Mancin vince su Stefano Artuso. Non partito Sebastiano Frijo (Porsche 991 GT3 Cup). (gli altri su Ferrari 458 Challenge Evo)
Super GT Cup: Denny Zardo (Lamborghini Huracan SuperTrofeo) chiude davanti a Roberto Ragazzi (Ferrari 488 Challenge). Non prende il via Rosario Parrino (Lamborghini Huracan SuperTrofeo Evo).

GRUPPO A
+3000: Assolo di Edi Dal Bianco (BMW M3 E36).
D2000: Vittoria in solitaria per Rodolfo Zuurbier (BMW 120d).
2000: Vale lo stesso discorso anche per Luca Zuurbier (Honda Civic Type-R).
1600: Stefano Chiappin vince su Giuseppe Fortuna (Peugeot 208 R2), Raffaele Ferrante e Antonio Vinai (Fiat Punto S1600). (gli altri su Renault Clio S1600)

GRUPPO PRODUZIONE EVOLUZIONE
+3000: Kevin Lechner (BMW M3 E36) ha la meglio su Daniele Negrente (BMW M3 E30).
2000: Giovanni Ghidini (Renault Clio Williams) non ha avversari.
1600: Luca Zumiani (Peugeot 106 Rallye) conclude davanti a Maverik Boaron (Citroën Saxo VTS), Alfonso Dalsass (idem) e Roberto Zadra (Peugeot 106 Rallye).
1400: Angelo Giovannini (Peugeot 205 Rallye) precede Michael Savio (Peugeot 106 Rallye) e Giuliano Ongaro (Peugeot 106 XSi).

GRUPPO N
+3000: Vittoria di Antonino Migliuolo (Mitsubishi Lancer Evo IX) su Dennys Adami (BMW M3 E36).
2000: Nicola Dall'Osto (Renault Clio RS) vince davanti a Gianluca Pomaran (Peugeot 306 S16).
1600: Fabrizio Vettorel precede Elia Favaro. (entrambi su Peugeot 106 Rallye)

GRUPPO PRODUZIONE DI SERIE
2000: Marco Cappello (Honda Civic Type-R) precede Maurizio Moret (Renault Clio RS), Edoardo Costabeber (idem) e Alberto Calgaro (Renault Clio Williams).
1600: Lukas Bicciato (Honda Civic EK4) vince su Remo De Bastiani (idem) e Johnny Xillo (Peugeot 106 Rallye). Non partito Giacomo Valente (Peugeot 106 Rallye).
1400: Vittoria senza avversari per Simone Grillo (Peugeot 205 Rallye).

GRUPPO RACING START
- RS CUP: Roland Gruber (Renault New Clio Cup) vince su Roberto Libè (Renault Clio Cup).

RS+ 1600T: Deborah Broccolini precede Roberto Malvasio, Roberto Mogentale e Remigio Baù (Peugeot 208 GTi). Ritirato Isidoro Alastra. (tutti su Mini Cooper S JCW)
RS+ 2000: Ivano Cenedese (Renault Clio Sport) vince davanti a Gianluca Grossi, Adriano Pilotto (Honda Civic Type-R), Stefan Kraner (Renault Clio RS) e Francesco Laffranchi. (gli altri su Renault Clio Cup)
RS+ 1600: Nessun avversario per Luca Negrente (Citroën C2 VTS).

RS 1600T: Mario Tacchini vince la classe dopo l'esclusione di Andrea Oliva. (entrambi su Mini Cooper S JCW)
RS 2000: Giovanni Grasso (Renault Clio RS) precede Fabio Zanette (Honda Integra Type-R), Carmelo Fusaro (Honda Civic Type-R) e Paride Filippi (BMW 320i E36).
RS 1600: Alessandro Bondanza vince davanti a Leonardo Angelucci, Mirco Graziani (Citroën Saxo VTS), Maurizio Magri e Francesco Cappello. (gli altri su Peugeot 106 Rallye)
RS 1400: Hannes Geier ha la meglio su Angelo Martucci. (entrambi su Peugeot 106 Rallye)

AUTOSTORICHE
5 (Monoposto): Mario Sala (Sala Special F3) vince il Raggruppamento salendo sul terzo gradino del podio assoluto. Dietro di lui concludono Stefano Carminati (BWA 322 F2/3) e Giuseppe Viali (Martini F.Seat). Ritiro per Otello Viali (Osella F.Super Ford), non partito Gian Paolo Poffe (Crosslé 25 F.Ford).
4 (J1/J2/JR): Adolfo Bottura (Osella PA9/90) conquista Raggruppamento e classifica assoluta, concludendo davanti a Giovanni Ambroso (idem), Paolo Nodari (BMW M3 E30), Stefano Fortuna (idem), Alberto Moronato (idem), Fabio Borboni (Fiat Ritmo 130 TC), Marco Dal Fitto (BMW 325i E30), Stefano Martina (Alfa Romeo 33) e Gianguido Rossi (Fiat Uno Turbo). Non prendono il via Paul Niederstätter (Renault 5 GT Turbo) e Giovanni Campese (Mercedes 190E 2.3-16).
3 (H2/I/IR): Massimo Ronconi (Porsche 930 Turbo), secondo assoluto delle Autostoriche, precede nell'ordine Giuseppe Pezzo (Porsche 911), Brunello Chiappini (Fiat X-1/9 Dallara), Romeo De Rossi (Alfa Romeo Alfasud Ti), Ezio Scalabrin (Opel Kadett GT/E), Maurizio Berlanda (Mercedes 280 SE), Stefano Sbalchiero (Fiat 127) e Marco Danese (Fiat X-1/9).
2 (G2/H1/HR): Umberto Pizzato (Porsche 911) vince su Giampaolo Basso (idem), Silvio Andrighetti (Lancia Stratos HF), Marco Stella (Alfa Romeo Giulia Sprint), Ugo Tonello (Opel Ascona SR), "Cicciopasticcio" (Porsche 911), Loris Cercenà (Lancia Fulvia HF), Mirto Maria Tonello (Alpine Renault A110), Salvatore Fazio Tirrozzo (Fiat 128 Coupé), Maurizio Leonardelli (Fiat Giannini 650) e Paolo Gonella (Fiat 128 Coupé). Non partito Dino Barini (Datsun 240Z).
1 (A/B/C/D/E/F/G1/GR): Marino Fochesato (Fiat Abarth 1000) vince davanti ad Amedeo Francescon (Abarth 1000 Bialbero), Guido Vettore (BMW 2002 Ti) e Silvia Fochesato (Fiat Abarth 1000). Ritiro per Luigi Pellanda (BMW 2002 Ti), non parte Cecilio Ravelli Damioli (Lancia Fulvia Coupé).