See PRO editionSee PRO edition

See PRO editionSee PRO edition

Menu

NAZ - Dolomiti Rally 2018 - Riva-Style

È tempo di crescere, per il Dolomiti Rally: alla terza edizione, lo staff della Dolomiti Racing Motorsport si è prodotto in un super lavoro che ha regalato al rally agordino un significativo cambiamento di tipologia (da Rally Day a Nazionale) e un percorso rinnovato e ampliato.

I 60 iscritti hanno dunque affrontato ben 63 km di prove cronometrate, su un totale di quasi 204 km: la prima prova, ora rinominata "Oltach" da "Agner" che era, ha perso nel suo tracciato la salita da Rivamonte Agordino guadagnando però la discesa da Voltago Agordino ad Agordo, su un tratto di quella che - una quarantina abbondante di anni fa - era la salita Agordo-Frassenè, mentre la "San Tomas", originariamente "Sasso Bianco", rimane invariata nel suo insidioso e caratteristico percorso lungo il territorio comunale di San Tomaso Agordino. La nuova PS "Valada", in realtà, è un déjà vu del rally in versione storica, però riproposto al contrario rispetto all'edizione 2014 partendo da Caviola di Falcade e arrivando nel comune di Vallada Agordina.

Il responso finale è andato a premiare l'equipaggio formato da Marco Signor e Patrick Bernardi, al volante di una Skoda Fabia R5. I campioni italiani WRC 2016 hanno preceduto di più di un minuto Carlo Colferai ed Alice Mosele (Peugeot 207 S2000), e di due minuti i vincitori della prima edizione, Lino Lena e Nicola Decima (Peugeot 106 Rallye). Al quarto posto hanno concluso Massimo Vian-Alessandro Gaio (Ford Fiesta R5 Evo), davanti a Paolo Benvenuti-Giulia Patrone (Renault Clio R3T) e Alex D'Agostini-Matteo Valerio (Peugeot 106 Rallye). A conclusione della top ten assoluta, Alberto Martinelli-Giulio Calligaro (Peugeot 207 S2000), Luca Ghegin-Ivano Passeri (Renault Clio R3), Andrea Piva-Alessandro Franco (Peugeot 207 S2000) e "Brik"-Michele Coletti (Fiat Punto S1600).